Carnevale dei Bambini 2024 a Borgomanero

A Borgomanero, in provincia di Novara, sabato 10 febbraio, dalle 15 in poi, ci sarà l’appuntamento con il Carnevale Borgomanerese una manifestazione che prevede artisti di strada e personaggi in costume carnevalesco che invaderanno pacificamente il centro storico.

La manifestazione,  realizzata dalla Pro Loco e patrocinata dall’Assessorato agli Eventi del Comune, ha lo scopo di regalare un momento di allegria soprattutto ai bambini che, in maschera, ameranno passare un pomeriggio spensierato in Città.

Il nome di Borgomanero compare nella documentazione medievale con Manerium, accostato al derivato in –Arius del verbo manere.

Anche se le origini del borgo sono molto antiche, la fondazione del comune è legata al periodo medievale, quando venne donato dall’imperatore Ottone I al Collegio Capitolare di San Giulio, dopo la guerra combattuta contro Berengario II per la supremazia in Italia.

Nel XII secolo Borgmanero divenne feudo dei conti di Biandrate e nel 1202 fu ceduta al comune di Novara di cui seguì, per anni, le vicende storiche.

Con il passaggio alla potente famiglia dei Visconti di Milano venne infeudato da Filippo Maria ai Tornielli,  nel 1466 fu concesso da Galeazzo Maria Sforza alla famiglia dei Trivulzio, che mantenne il feudo fino al 1532, quando venne affidata da Carlo V a Sigismondo d’Este, sotto il cui casato rimase fino al 1763.

Nel 1802 venne costituita in distretto nell’ambito del dipartimento dell’Agogna e vi rimase sino alla caduta di Napoleone.

Da vedere nel borgo sono l’oratorio di San Nicola in Baraggiola, risalente al X secolo, la chiesa di San Leonardo, edificata alla fine dell’XI secolo su una chiesa romanica, la parrocchiale di San Bartolomeo, costruita tra il XII e il XIII secolo e poi rimaneggiata, con un trittico del 1566 e pregevoli affreschi,  palazzo Tornielli, in stile settecentesco, l’oratorio di San Giovanni, di epoca barocca, l’oratorio di San Giuseppe, con tele del Seicento,  l’oratorio della Santissima Trinità, con dipinti del XVII secolo e la parrocchiale di Santa Cristina, situata su una collinetta.

Articoli simili