Infernot

Gli Infernot del Monferrato, un viaggio nel cuore del vino piemontese

Il Monferrato è una regione collinare del Piemonte, nota per la sua produzione vinicola di alta qualità.

In questo territorio, tra le vigne e i borghi medievali, si trovano gli Infernot, piccole cantine sotterranee scavate a mano nella Pietra da Cantoni, la roccia tipica del luogo.

Gli Infernot sono stati realizzati nel corso dei secoli dalle famiglie contadine del Monferrato, per conservare il vino nelle migliori condizioni possibili. La temperatura e l’umidità costanti, l’assenza di luce, ventilazione e rumore, garantivano infatti l’ideale affinamento delle bottiglie.

Gli Infernot sono strutture molto diverse tra loro, in base alla loro posizione, alla forma e alle dimensioni.

Possono essere circolari, quadrati o rettangolari, con una o più camere, e possono ospitare dalle poche decine alle migliaia di bottiglie. Le pareti sono spesso decorate con motivi geometrici o floreali, e al centro è presente un tavolo scavato nella roccia, dove i contadini si riunivano per consumare il vino.

Oggi gli Infernot sono un’importante testimonianza della cultura e della tradizione vinicola del Monferrato. Sono visitabili in alcuni comuni della zona, e rappresentano un’esperienza unica per gli appassionati di vino e di storia.

Un viaggio nel cuore del vino piemontese

Una visita agli Infernot del Monferrato è un’esperienza indimenticabile, che permette di scoprire un luogo affascinante e ricco di storia.

Il viaggio inizia tra le vigne, dove è possibile ammirare il paesaggio collinare del Monferrato. Si prosegue poi alla scoperta dei borghi medievali, che conservano intatto il loro fascino antico.

E infine, si arriva agli Infernot, che si aprono al visitatore come un mondo nascosto, fatto di silenzio e di mistero.

Scendendo le scale che conducono al cuore della terra, si viene avvolti da un’atmosfera suggestiva. La luce fioca, la temperatura fresca e l’aria umida creano un’atmosfera magica, che sembra trasportare il visitatore indietro nel tempo.

Le pareti degli Infernot sono spesso decorate con motivi geometrici o floreali, che rendono l’ambiente ancora più suggestivo. Al centro della stanza è presente il tavolo scavato nella roccia, dove i contadini si riunivano per consumare il vino.

Una visita agli Infernot è un’esperienza unica, che permette di conoscere da vicino la storia e la cultura del Monferrato. È un viaggio nel cuore del vino piemontese, un’esperienza che non si può dimenticare.

Come visitare gli Infernot

Gli Infernot sono visitabili in alcuni comuni del Monferrato, in particolare nei nove comuni che fanno parte della core zone del Patrimonio Unesco:

  • Camagna Monferrato
  • Cella Monte
  • Frassinello Monferrato
  • Olivola
  • Ottiglio
  • Ozzano Monferrato
  • Rosignano Monferrato
  • Sala Monferrato
  • Vignale Monferrato

A questi si aggiungono una serie di comuni che fanno parte della buffer zone Unesco, tra cui:

  • Fubine Monferrato
  • Ponzano Monferrato
  • Terruggia
  • Treville

Le visite guidate agli Infernot sono organizzate da diverse associazioni e aziende del territorio.

Per maggiori informazioni:

Per Fubine Monferrato contattare l’Ufficio Turistico di Fubine Monferrato

Ufficio IAT Informazioni Turistiche di Casale Monferrato
tel. 0142 444 330, iat.casalemonferrato@alexala.it

ATL Alexala – Azienda Turistica Locale della provincia di Alessandria
tel. 0131 288 095
info@alexala.it

Articoli simili