Tour de France 2024 Piemonte

Il Tour de France 2024 con le tappe piemontesi

Nel corso del 25 Ottobre 2023, a Parigi, è stata ufficialmente presentata l’edizione 2024 del Tour de France, che include le tappe piemontesi.

Questo evento, che prevede la Grande Partenza dall’Italia con arrivo a Torino il 1° luglio e una tappa successiva da Pinerolo verso Valloire, ha visto la partecipazione di autorità di rilievo, tra cui il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e il sindaco di Torino Stefano Lo Russo.

Insieme a loro, erano presenti il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini e il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Alberto Cirio ha sottolineato l’importanza di questa occasione, definendola un risultato straordinario ottenuto dopo mesi di intenso lavoro.

Questa edizione del Tour de France rappresenta una prima assoluta, con la partenza dall’Italia e ben due tappe in Piemonte.

Cirio ha enfatizzato l’impegno dell’Amministrazione nell’organizzare eventi internazionali di grande prestigio e ha sottolineato come questa iniziativa contribuirà a promuovere la regione e a generare un notevole ritorno economico stimato a oltre 15 milioni di euro.

Questo dimostra il potenziale del turismo sportivo come driver essenziale dell’economia.

Fabrizio Ricca, assessore regionale allo Sport, ha evidenziato il duro lavoro svolto per portare il grande ciclismo in Piemonte e ha sottolineato come gli investimenti in eventi sportivi di questa portata abbiano un impatto economico significativo per l’intera regione.

Le tappe piemontesi del Tour de France includono una partenza da Piacenza il 1° luglio, con la carovana che attraverserà località come Tortona, Alessandria, Nizza Monferrato, Barbaresco, Alba, Sommariva Perno, Carmagnola, Moncalieri e infine Torino.

La tappa sarà caratterizzata da un percorso senza difficoltà significative, attraversando le colline di Monferrato Langhe e Roero, ideale per gli sprint dei velocisti.

Il 2 luglio, la carovana partirà da Pinerolo per raggiungere Valloire, dopo aver affrontato scalate a Sestriere e Galibier.

Il Tour de France è la principale competizione ciclistica al mondo ed è la terza competizione sportiva per interesse e ricavi, dopo le Olimpiadi estive e i Mondiali di calcio.

Questo evento rappresenta un’opportunità straordinaria per il Piemonte, con un pubblico stimato di 12 milioni di telespettatori in media per ogni tappa, provenienti da 200 Paesi.

Secondo i dati del Ministero francese dello Sport e gli analisti del Tour de France, si prevedono significativi impatti economici per l’intero territorio.

Gli impatti economici sono quantificabili grazie all’analisi dei dati relativi alle Grandi Partenze organizzate in precedenza, con un moltiplicatore di 3 punti per ogni euro investito dalle istituzioni ospitanti (dato del Ministero francese) e un moltiplicatore di 9 punti se si considerano gli investimenti complessivi nell’evento (dato del TdF).

Nel caso del Piemonte, ciò si traduce in un ritorno economico stimato tra 5,1 e 15 milioni di euro.

Un elemento importante di questo impatto è dovuto all’effetto sul settore alberghiero locale, con la carovana del Tour che include 4.500 persone, di cui 1.800 appartengono alle squadre in gara e il resto sono addetti alla logistica e giornalisti.

Questa affluenza andrà a occupare circa un terzo della disponibilità delle camere d’albergo a Torino e nelle zone circostanti, con un valore stimato di circa 650.000 euro.

A questo va aggiunta l’affluenza di turisti e appassionati che sceglieranno il Piemonte come destinazione turistica durante i giorni dell’evento.

Le ricadute economiche non si esauriscono nei giorni della competizione, ma si estendono anche a lungo termine grazie al turismo generato dalla visibilità internazionale dell’evento.

Questo è evidenziato dal successo ottenuto nelle città che hanno ospitato le Grand Depart in passato, con impatti economici significativi e un aumento delle interazioni mediatiche, sia tradizionali che digitali.

Articoli simili